Modifiche al regolamento del codice della strada

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio, ha approvato due regolamenti, da adottarsi mediante altrettanti decreti del Presidente della Repubblica, che modificano alcune norme di attuazione del Codice della strada.

1.Modifica all’appendice XI del regolamento di esecuzione del Codice della strada per la fissazione della sigla di individuazione della provincia del Sud Sardegna, istituita con legge della Regione autonoma della Sardegna 4 febbraio 2016, n. 2

Il regolamento identifica in “SU” la sigla distintiva della nuova provincia del Sud Sardegna, istituita con legge della Regione autonoma della Sardegna 4 febbraio 2016, n. 2.

Inoltre, il testo sopprime le sigle di individuazione delle Province di Carbonia-Iglesias (CI), Medio Campidano (VS), Ogliastra (OG) e Olbia-Tempio (OT), in seguito all’abrogazione della legge regionale 12 luglio 2001, n. 9, che le aveva istituite. I veicoli dotati di targhe di immatricolazione con le sigle di queste province possono continuare a circolare fino a una nuova immatricolazione o fino alla cessazione dalla circolazione.

2.Modifica dell’articolo 332 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente le competenze dei funzionari del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in materia di esami di idoneità

Il regolamento aggiorna i riferimenti alle qualifiche funzionali dei dipendenti del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali e il personale del Ministero infrastrutture e trasporti, che hanno titolo per l’effettuazione degli esami ai fini del rilascio della patente di guida.

Pertanto le vecchie qualifiche funzionali sono state adeguate ai nuovi livelli professionali espressi in aree, in ragione della nuova normativa in materia di inquadramento giuridico del personale, attualmente previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro e relativo al personale del comparto ministeri per il quadriennio normativo 2006 – 2009 e biennio economico 2006 – 2007.

Stampa Email

Ti interessa?

News